0

Dall’Avv. Emanuele Argento: l’11.06.2021 dinanzi il Tribunale civile di Rieti ottenuta la revoca del decreto ingiuntivo di oltre 445.000,00 euro (quale importo richiesto dalla banca alla società correntista ed ai garanti) per mancanza degli estratti di conto corrente completi – liberati dal presunto debito con la banca anche i fideiussori della società correntista

Tribunale Civile di Rieti – Sentenza dell’11.06.2021 – Giudice Unico Dott.ssa Della Fine

Bancario – Contratto di conto corrente con apertura di credito – Onere della prova a carico della banca in sede di opposizione a decreto ingiuntivo – Mancanza di tutti gli estratti conto completi dall’inizio alla fine del rapporto – Il fideiussore può opporre al creditore tutte le eccezioni “di merito” che spettano al debitore principale – Revoca del decreto ingiuntivo.

È pacifico in giurisprudenza che superata la fase monitoria, in cui è possibile produrre solo gli estratti conto relativi all’ultima fase di movimentazione del conto ai sensi dell’art. 50, D.Lgs. n. 385/1993 (TUB), nel successivo giudizio a cognizione piena – ove sia contestata per mancanza di requisiti di legge la pattuizione degli interessi legali – la banca è tenuta a produrre tutti gli estratti conto a partire dall’apertura del conto ed anche oltre il decennio.
Soltanto attraverso gli estratti conto è possibile ricostruire i rapporti dare e avere tra le parti, in loro assenza deve ritenersi, in quanto alla stregua di qualsiasi soggetto che pretenda di vantare un credito, la Banca, trattandosi di un credito costituito dal saldo delle partite dare/avere tra le parti, dovrà indicare le annotazioni contabili degli addebiti e degli accrediti, comprese quelle per interessi commissione e così via.
Ciò, ovviamente, vale anche per i fideiussori in quanto il contratto di garanzia stipulato, a prescindere dalla qualificazione giuridica, non contiene la clausola di rinuncia alle eccezioni quindi ai sensi dell’art. 1945 c.c., il garante può opporre al creditore tutte le eccezioni “di merito” che spettano al debitore principale.
Nel caso di specie l’opposta non ha prodotto tutti gli estratti conto, pertanto il decreto ingiuntivo deve essere revocato (segnalazione dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.it – www.sosutenti.net) (riproduzione riservata)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito utilizza cookies, anche di terzi, al fine di offrire un servizio migliore agli utenti. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy