0

L’Avv. Emanuele Argento ottiene in data 11.05.2020 sentenza di condanna di importante Banca presso il Tribunale civile di Parma

Il Tribunale Civile di Parma con Sentenza n. 347/2020 dell’11.05.2020 ha accertato e dichiarato l’illegittima applicazione da parte di una Banca di rilevanza nazionale di INTERESSI NON DOVUTI nei confronti di una società di costruzioni parmense con conseguente determinazione di un SALDO A CREDITO dell’ex società correntista oltre spese di giudizio ed accessori mentre il saldo indicato negli estratti conto dalla Banca era a debito

Bancario – Contratto di conto corrente con apertura di credito – Contratto di apertura di credito (cd. affidamento) può essere evinto anche per facta concludentia – Illegittimità degli interessi anatocistici e degli interessi ultralegali non pattuiti per iscritto – Non si deve computare la C.M.S. in mancanza di espressa pattuizione – Rigetto dell’eccezione di prescrizione avanzata dalla Banca – Accertamento del saldo dare/avere con ordine di restituzione delle somme all’ex correntista.

In mancanza di espressa e corretta pattuizione non sono dovuti gli interessi ultralegali e gli interessi anatocistici con capitalizzazione trimestrale sia prima che dopo il 2000; in mancanza di espressa e corretta pattuizione non sono dovute neanche le C.M.S – In punto di prescrizione l’eccezione avanzata dalla Banca deve ritenersi infondata poiché l’apertura di credito, ovvero l’affidamento è stato legalizzato di fatto; la Banca, infatti, negli anni, applicava le commissioni di “massimo scoperto” legittimando, quindi, un vero e proprio affidamento bancario di fatto.

(segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.itwww.sosutenti.net)

0

Gli Avvocati Emanuele Argento ed Emanuele Liddo ottengono importante successo con sentenza di condanna di banca a carattere nazionale presso la Corte d’appello di L’aquila in data 08.04.2020

Corte d’Appello di L’Aquila – Sentenza depositata il 08.04.2020 – Giudice Relatore Dott. Andrea Dell’Orso – Presidente Dott. Giuseppe Iannaccone

Finanziario – Contratto di finanziamento denominato “4you” – Nullità – Causa in concreto non meritevole di tutela – Inefficacia – Accoglimento dell’appello proposto dall’ex Cliente della Banca.

Il contratto di finanziamento atipico “4you”, all’esito del giudizio di immeritevolezza, deve ritenersi inefficace fin dalla sua stipulazione, essendo inidoneo a vincolare le parti al rispetto delle sue regole; in sostanza la fattispecie relativa al contratto denominato “4you” è giudicato nullo dalla Corte d’Appello di L’Aquila (in linea con i principi della Suprema Corte di Cassazione) perché non ritenuto meritevole di tutela secondo l’ordinamento giuridico, a causa dell’enorme sproporzione tra le previste prestazioni delle parti
(segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.itwww.sosutenti.net)

0

L’Avv. Emanuele Argento in collaborazione con l’Avv. Fabio Giorgi: dinanzi la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo il 20.02.2020 ottenuta la sospensione ex art 20 l. 44/99 (fattispecie: usura su rapporti bancari di mutuo e finanziamento)

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo – P.M. Dott.ssa Laura Colica – Provvedimento del 20.02.2020 di concessione dei benefici ex art. 20 L. 44/99

Denuncia querela con riguardo ad ipotesi usura bancaria – Istanza per l’ottenimento del “provvedimento di sospensione dei termini art. 20, co. 7, L. 44/99 come modif. dall’art. 2, co. 1, lett. d) n. 1), L. n. 3/2012 e dall’art. 38 bis D.L. 4 ottobre 2018 n. 113 (convertito in legge 1 dicembre 2018 n. 132)” – Ammissibilità –

Considerato che il predetto procedimento penale ha riguardo ad ipotesi di usura bancaria in relazione a contratti di mutuo e di finanziamento e che l’esponente in sede di denuncia querela ha allegato perizia contabile di parte e da cui emerge che nel corso dei predetti rapporti sono stati applicati tassi d’interesse superiori ai tassi soglia di riferimento e che allo stato devono essere espletate indagine di natura contabile per verificare se sono stati superati i limiti di legge nei tassi d’interesse applicati; visto l’art. 20, commi 1.2.3.4. e 7 L. 44/99 nel testo introdotto dall’art. 2 comma 1 lett. d) n. 1), L. n. 3/2012 come modificato dalla L. 113/2018 dispone la sospensione dei termini di scadenza degli adempimenti amministrativi e per il pagamento dei ratei dei mutui bancari ed ipotecari, nonché di ogni altro atto (decreti ingiuntivi, pignoramenti ecc.) e procedure aventi efficacia esecutiva per la durata di due anni (segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.itwww.sosutenti.net)

0

Avv. Emanuele Argento: dinanzi il Tribunale civile di Teramo il 12.02.2020 ottenuta inaudita altera parte la sospensione dell’esecuzione immobiliare avanzata dalla banca prima con atto di precetto e poi con il pignoramento immobiliare per euro 1.209.747,27 (fattispecie: mutuo ipotecario)

Tribunale Civile di Teramo – Ordinanza del 12.02.2020 – Giudice Dott. Giovanni Cirillo – Sospensione inaudita altera parte dell’esecuzione immobiliare ritenendo sussistente il fumus dell’usura nella fattispecie di mutuo ipotecario

Rapporto bancario di mutuo – Opposizione all’esecuzione immobiliare – Sospensione inaudita altera parte dell’esecuzione immobiliare ritenendo sussistente il fumus dell’usura nel rapporto di mutuo ipotecario costituente il titolo esecutivo posto alla base della procedura (segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.itwww.sosutenti.net)

0

L’Avv. Emanuele Argento ottiene in data 18.12.2019 sentenza di condanna di importante Banca presso il Tribunale Civile di Pescara

Il Tribunale Civile di Pescara con Sentenza n. 1894/2019 del 18.12.2019 ha accertato e dichiarato l’illegittima applicazione da parte di una Banca di rilevanza nazionale di INTERESSI NON DOVUTI nei confronti di una società di costruzioni pescarese con conseguente determinazione di un SALDO A CREDITO dell’ex società correntista di 13.404,41 alla data del 30.09.2012 oltre spese di giudizio ed accessori mentre il saldo indicato negli estratti conto dalla Banca era a debito di oltre 100.000,00 Euro (segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara – www.avvocatoargento.itwww.sosutenti.net)

1 2 3 42

Questo sito utilizza cookies, anche di terzi, al fine di offrire un servizio migliore agli utenti. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy