0

Gli Avvocati Emanuele Argento ed Emanuele Liddo ottengono il 3 maggio 2019 importante sentenza di condanna nei confronti di Banca a carattere nazionale presso il Tribunale di Torino in materia di prodotti finanziari C.D. Swap

Tribunale Civile di Torino – Prima Sezione Civile – Sentenza del 2.05.2019 pubblicata il 3.05.2019 – Giudice Dott.ssa Gabriella Ratti

Bancario e finanziario – Il “Derivato” che assume veste “speculativa” – Obbligo di raccolta delle “informazioni” – Giudizio di “non appropriatezza” – “Non” aver impedito l’operazione – Obbligo di “avvertire il cliente che l’operazione è ritenuta inopportuna” – Onere “sull’intermediario” di fornire “prova positiva” ex art. 23 TUF – “Condanna al risarcimento del danno” causato alla “cliente”.

Quando il contratto derivato perde “la sua naturale connotazione di copertura per assumere una veste speculativa”, è onere dell’intermediario, attenersi alla “regola dell’appropriatezza”, sicché, anche se “Il giudizio di non appropriatezza o l’impossibilità di formulare un giudizio per insufficienza delle informazione non impedisce l’operazione”, ciò nonostante “l’intermediario ha l’obbligo di avvertire il cliente che l’operazione è ritenuta inopportuna” con, in caso di mancanza di “prova positiva” d’aver adempiuto agli “obblighi” informativi di legge, la “responsabilità” per i danni causati.

Bancario e finanziario – Contratto “Plan vanilla” – Non “automatismo” per renderlo “adatto a qualunque tipo di investitore” – Mancanza di “pregressa esperienza” e di “conoscenza in derivati” – Operazione “non appropriata” – Mancata rilevazione da parte dell’“intermediario” e di segnalazione “alla cliente”.

L’essere il “più semplice nel campo dei derivati (plan vanilla)” non rende il “derivato” in “automatico adatto a qualunque tipo di investitore”, sì che, ove dal “profilo di rischio” risulti la “non conoscenza di prodotti finanziari complessi e strutturati””, ne consegue che, trattandosi d’operazione “non appropriata al profilo di rischio di parte attrice”, mancando la prova “positiva” d’averlo rilevato e segnalato all’investitore, del “danno” da lui subito e “consistente negli addebiti a tale contratto”, ne debba rispondere l’intermediario (segnalazione a cura degli Avv.ti Emanuele Argento ed Emanuele Liddo del foro di Pescara).

0

L’Avv. Emanuele Argento, il 29.04.2019, ottiene dal Tribunale civile di Teramo l’ordine di esibizione documentale a carico della banca; entro 60 giorni la banca dovrà esibire in giudizio tutti i contratti e tutti gli estratti conto completi dall’inizio alla fine del rapporto bancario di conto corrente

Tribunale Civile di Teramo – Ordinanza del 29.04.2019 – Giudice Unico Dott.ssa EriKa Capanna Piscè

 

Bancario – Contratto di conto corrente con apertura di credito – Mancanza del contratto e degli estratti conto – Richiesta ex Art. 119 T.U.B. dell’intera documentazione relativa al rapporto bancario – Istanza di ordine di esibizione ex art. 210 c.p.c. degli estratti conto mancanti – Necessità di acquisire al processo tutti gli estratti conto – Ammissibilità dell’ordine di esibizione ex art. 210 c.p.c da parte del Giudice degli estratti conto periodici mancanti.

 

Qualora il correntista dimostra di aver formalmente richiesto, anche ex art. 119 T.U.B., alla Banca convenuta la documentazione relativa al rapporto bancario senza però ottenere soddisfazione, è ammissibile l’ordine di esibizione documentale ex art. 210 c.p.c., ritenuto che, in presenza della richiamata norma speciale in materia di trasparenza bancaria, si legittimano i poteri istruttori d’ufficio ed essendo assolutamente necessaria l’acquisizione al processo del contratto e degli estratti conto che non siano già stati prodotti in atti (segnalazione a cura dell’Avv. Emanuele Argento del Foro di Pescara)

0

L’Avv. Emanuele Argento, unitamente all’Avv Dario Nardone, in data 06.04.2019 ottiene dal Tribunale Civile di Chieti l’ammissione di c.t.u. contabile su mutuo ipotecario con interessanti quesiti tecnici

Tribunale Civile di Chieti – Ordinanza del 06.04.2019 – Giudice Dott. Francesco Turco

 

Contratto di mutuo – ai fini usura è sufficiente verificare il costo complessivo (espresso in  TAEG, ad eccezione di imposte e tasse) promesso in pagamento nelle ipotesi di risoluzione anticipata e/o di estinzione anticipata – Quesiti al CTU.

In caso di eccepita usurarietà pattizia del costo complessivo (espresso in  TAEG, ad eccezione di imposte e tasse) promesso in pagamento dal mutuatario entro una certa nelle ipotesi di estinzione e/o di risoluzione anticipata, il CTU dovrà procedere alla verifica della usurarietà del TEG promesso in tali scenari (fattispecie in cui si è eccepito il debordo del TSU sia computando la commissione/penale di estinzione/risoluzione anticipata, sia escludendo detto onere in omaggio al principio di simmetria/omogeneità tra TEG del mutuo e TEGM).

In caso di accertato superamento del TSU vigente al momento pattizio, il CTU deve rideterminare l’esatto dare avere tra la parti stipulanti espungendo ex art. 1815, secondo comma, c.c., ogni interesse a qualsiasi titolo applicato.

Riferimenti normativi

artt. codice penale: 644

art. codice civile: 1815, II comma

0

L’Avv. Emanuele Argento, il 18.03.2019, ottiene dal Tribunale civile di Teramo la sospensione della provvisoria esecutività del decreto ingiuntivo avanzato della banca per una somma di euro 41.238,31 oltre interessi e spese

Tribunale Civile di Teramo – Ordinanza del 18.03.2019 –

 

Rapporto di conto corrente bancario – Opposizione a decreto ingiuntivo – Sospensione della provvisoria esecuzione del decreto ingiuntivo opposto – Accoglimento.

0

L’Avv. Emanuele Argento, il 12.03.2019, ottiene dalla Procura della Repubblica di Chieti la sospensione dei termini ex art 20 l. 44/99 e di conseguenza la sospensione della procedura esecutiva immobiliare (nella fattispecie del pignoramemto immobiliare)

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Chieti – P.M. Dott. Giancarlo Ciani – Provvedimento del 12.03.2019

 

Denuncia querela con riguardo ad ipotesi di usura bancaria – Istanza per l’ottenimento del “provvedimento di sospensione dei termini ex art. 20 L. 44/1999” – Ammissibilità in caso di superamento dei tassi-soglia ex l. 108/96 indipendentemente dalle valutazioni di merito (segnalazione dell’Avv. Emanuele Argento del foro di Pescara) (riproduzione riservata)

1 2 3 38

Questo sito utilizza cookies, anche di terzi, al fine di offrire un servizio migliore agli utenti. Per maggiori informazioni o per modificare le tue preferenze sui cookies di terzi accedi alla nostra Cookie Policy